Ritrovo delle ex allieve lombarde dei Salesiani

Benvenuta Lombardia!

Domenica 27 ottobre 2017 quasi duecento ex allieve appartenenti alle tre Federazioni lombarde: “Immacolata”,“Sacro Monte”,“Sacra Famiglia”, accompagnate dalle rispettive Presidenti e Delegate, si sono ritrovate insieme a Metanopoli, presso la Scuola Maria Ausiliatrice, per un incontro formativo.

Sono intervenute per il saluto di accoglienza:

Sr. Virginia Villa, ex Vicaria ispettoriale e direttrice della Casa di San Donato, la quale, in merito al percorso unificato delle tre Federazioni, ha detto che si tratta di una conquista, di un desiderio di sentirsi famiglia che tutti accoglie, senza nessuno escludere.

Maria Maghini, Presidente Confederale, ha ribadito l’impegno dell’Associazione per questa nuova sfida.

Lorena Motta,  Presidente della Federazione “Sacra Famiglia”, ha sottolineato che la presenza così numerosa delle ex allieve delle tre Federazioni è la conferma dello spirito salesiano-mornesino che le anima.

Sr. Maria Teresa Cocco – Ispettrice – la quale ha rimarcato l’importanza davvero storica di questo incontro per costruire insieme il futuro e per far sì che il sogno di Don Bosco e di Madre Mazzarello diventi realtà.

La riflessione sul tema “Casa per molti, Madre per tutti” è stata tenuta da Don Giuliano Giacomazzi, nuovo Ispettore per la Lombardia e l’Emilia (ILE)

Il sogno di Dio è grande, il suo amore è per tutti: ha il volto di Gesù sulla croce e il suo sacrificio non ha confini. Ma questo amore per tutti non è privo di responsabilità, ci interpella, suscita la nostra libertà e la nostra risposta. Il mondo ha bisogno di una Chiesa che testimoni la fede, che testimoni la possibilità di una vita diversa, che si abbandoni al Signore onnipotente che salva tutti.

La grandezza di Don Bosco è di aver realizzato sogni impossibili; nella sua esperienza di educatore ha confidato in Dio, nell’amore di Dio che salva.

E’ fondamentale per noi, che ci riconosciamo nella spiritualità di Don Bosco e di Madre Mazzarello, allargare i nostri orizzonti ad un mondo più vasto, a nuove forme, affinché l’Associazione diventi qualcosa di bello per i giovani, per gli altri. Se si fa il passo che io posso cambiare”, allora tutto è possibile.

Durante l’omelia della santa Messa, Don Giuliano, commentando la parabola, in Matteo 13, 47-50, che paragona il regno dei cieli a una rete gettata in acqua che raccoglie ogni tipo di pesci e alla fine della pesca i pescatori raccolgono quelli buoni nei canestri e buttano via quelli cattivi, ha concluso dicendo che per educare alla libertà bisogna vivere bene l’Eucaristia; essere, come Don Bosco, fantasiosi nel fare le cose, curando la nostra interiorità per aprirci a Dio e lasciare a Lui di scrivere i nostri progetti, perché Lui ha a cuore la nostra felicità.

Nel pomeriggio, Maria Maghini, Presidente Confederale, è intervenuta per dare delucidazioni sui “Tabulati”, che dovranno servire per formare il Libro dei soci.

A conclusione della giornata sono state presentate le attività delle tre Federazioni Lombarde.

L’incontro è terminato con il saluto finale della Vicaria Ispettoriale, Sr. Piera Porro.

Alba Totè – ex allieva dell’Unione SS. Martiri Legnano

 

Se desiderate approfondire la giornata formativa, scaricate l'approfondito reportage.